MAMMA ROMA


Amore, amore, amore, amore mio,
‘n braccio a te me scordo ogni dolore.
Voglio resta’ co’ te sinno’ me moro,
voglio resta’ co’ te sinno’ me moro.
Voglio resta’ co’ te sinno’ me moro.

 

Quando ti svegli e l’odore è sempre quello. L’odore di una città grande, incontenibile come la sua gente. Quando sei rientrato dalle vacanze, dove tutto era più bello, ma nulla familiare. Perché in Sicilia stanno ancora al mare, qua invece piove. Il classico settembre romano che dice “dai, la festa è finita, mo se riattacca a lavorà”. Sai, quando rientrato dalle ferie fai “Mo me faccio quest’anno, forse er prossimo ma poi me ne vado, me trasferisco a Londra, che almeno non puzza”. Non lo sai se non puzza; quello che sai è che chiudendo gli occhi, attraverso gli odori, potresti girà la città intera: er mercato de Campo de’ fiori, le panetterie del ghetto… Ma ‘ndo voi annà.

 

Nun piagne amore, nun piagne amore mio,
nun piagne e statte zitto su sto cuore.
Ma si te fa soffrì, dimmelo pure,
quello che m’hai da di’, dimmelo pure.
Quello che m’hai da di’, dimmelo pure.

 

Perché pure che se te ne vai, la testa la lasci qua. E quando torni stai male, perché t’accorgi che oltre alla testa c’hai lasciato pure er core. Hai lasciato er grembo, la culla, il nido, il porto sicuro. ’Na città che è come na petrarchesca cameretta. Una città che te parla, complicata ma che se vuole fa’ vive. Na città che se perde, se ingarbuglia, se impiccia, come er ragazzetto timido che se dichiara. Na città sincera.

 

Te penso amore,
te penso amore mio,
sei partito e m’hai lasciata sola.
Ma tu non sai che sento nel core mio,
ce penso s’e’ nel tuo che me consola.
Ce penso s’e’ nel tuo che me consola.

 

Na città sincera, ma che se vole po’ esse perfida, che t’abbandona quando serve. Quando t’aritrovi ar freddo che è improvvisamente arivato, su na panchina, con la sigaretta accesa tra le dita, er cappuccio e lo sguardo perso. Perché lì, proprio lì, hai perso l’amore. Perché lì, proprio lì, t’ha guardato in faccia e t’ha detto come te chiami. Che t’ha distrutto, prima de riabbracciatte. Perché sta città è infinita, non finisce. Non finisce alle mura, non finisce ar raccordo. Sta Roma bella arriva fino a dove la voi fa arivà. Semo noi, e noi semo lei. Perché Roma vive, batte, scorre e pensa. E prova. E da amore tanto ai fiji che rimangono, quanto a quelli che se ne vanno. Perché Roma è na Mamma che te vuole bene sempre.

 

 

– ER SANPIETRINO PARLANTE