Che famo? #Carnevale Edition


8 – 18 febbraio |Er Mejo del carnevale romano: Lanificio, Largo Venue, Monk… and much more.


Giovedì 8 – CARTOON CARNIVAL PARTY @LARGO VENUE 

Mazinga, Pokemon, Devilman e Detective Conan. I Simpson, L’uomo Tigre, Dragon ball, Yattaman e moltissime altre. Il carnevale a Largo Venue (Via Biordo Michelotti, 2) è “animato” dai CdA – Cartoon Boy Band “i Cristiani d’Avena” che suoneranno le più grandi sigle giapponesi che hanno segnato la nostra infanzia, come Mazinga e Ufo Robot ! 

A seguire: TJ Unicorno con un repertorio di remix tra house e punk anni 90, Battisti e David Guetta per farvi ballare tutta la notte.

Ovviamente il dresscode è “cartoons”.

Info.


Venerdì 9 – WANNA CIRCUS @LANIFICIO

Acrobazie, equilibrismi, contorsioni, magie…musica vi aspettano al Lanificio in Via di Pietralata 159/A.
Maschera gradita ma non obbligatoria, ma i più belli entrano subito. Quindi dresscode a tema Togni/Orfei: Giocolieri, Donna barbuta, Moira Orfei, Divino Otelma, Uomo Tigre, Pingu, Miss Dronio…

La musica viaggia nel tempo da Gigi D’Agostino, ai Chemical Brothers, da Beyoncè ai Duft Punk, da Prince a Vasco Rossi, Rino Gaetano, i Queen, gli Abba, Michael Jackson…
Info.

 


Sabato 10 – LA CITTA’ INVISIBILE ft FARGETTA @EX DOGANA

Ritira il tuo passaporto all’ingresso de La Città Invisibile e scegli il tuo quartiere: anni ’40 swing, anni ’50 rockabilly, anni ’60 rock e hippie, anni ’80, ’90, ’00 all the best con Mr.Fargetta alla consolle.
Tutto dentro l’Ex Dogana in Via dello Scalo San Lorenzo, 10.

Dresscode e info, qui e qui.


Sabato 10 – PLAYBOY CARNIVAL PARTY @LANIFICIO

Back to the 1976, tra conigliette, vip in smoking, pattini a rotelle, pigiama chic, glitter e disco music, al Lanificio di Via di Pietralata 159A.
Capite bene che il dresscode è moooolto importante, quindi date un’occhiata qui e attrezzatevi.

Altre info, qui.


Sabato 10 – CIAOPOVERY ft JOE VICTOR @MONK

La serata del Monk, in Via Giuseppe Mirri 35, suona bene con la presenza dei Joe Victor sul palco dalle 22:00 con i loro successi da “Blue call pink riot” e “Night Mistakes“. A seguire “Ciapovery” la serata di carnevale a tema luxury: vestitevi come il chihuahua di Paris Hilton e #ciaopovery!

Dalla mezzanotte la consolle di Fabio Luzietti & Gianpiero Giulii.

Tutte le info, qui.


Sabato 10 – CARNEVALE DI ROMA @CAE TESTACCIO

Organizzato da Ceres, in collaborazione con La Città dell’Altra Economia, in Largo Dino Frisullo a Testaccio. Il Carnevale di Roma è giunto alla seconda edizione: circo, giocolieri, trampolieri, fluo make up corner & cocktail bar, lunapark, esposizioni artistiche,  dj set e molto altro ancora… 2 sale dove la protagonista indiscussa sarà la musica, grazie ad un’ accurata selezione di alcuni tra i migliori party romani in circolazione e una guest internazionale: Luis Martinez .

Dalle 22 fino alle prime luci dell’ alba.

L’info c’è.

 


Sabato 10 – GRAN BALLO IN MASCHERA @Angelo Mai

Maestri di cerimonia di questa serata goliardica all’Angelo Mai, in Via delle Terme di Caracalla 55, saranno i Pink Puffers Drum ‘n’ Brass Phunk Band, per un concertino dal vivo niente male.
A seguire, fino alla fine, funk, soul, latin, ska, reggae & disco con i Cool Runnings Sound, i Soulkitchen e i Therebel.

Ovviamente ingresso scontato per le maschere.

Tutti i dettagli, qui.


Martedì 13 – GRAN BALLO IN MASCHERA ft Radio Rock @Largo Venue

Il Largo Venue, Via Biordo Michelotti, si trasforma in una Masquerade per salutare il Martedi Grasso. Con la partecipazione di Radio Rock nasce la serata che vi fa ballare il meglio della musica rock, indie, pop, happy e carnival style.

Chi si presenta mascherato avrà diritto a uno sconto sull’ingresso e le migliori maschere ispirate alle serie tv vinceranno biglietti gratuiti per i successivi concerti a Largo Venue

Per gli ascoltatori di Radio Rock in palio ingressi omaggio per l’evento.

Voilà!


Domenica 18 – CARNEVALONE LIBERATO @Poggio Mirteto

La prima domenica di Quaresima, mentre tutti tacciono in penitenza per gli eccessi goliardici della “settimana grassa”, Poggio Mirteto s’incendia per la tradizionale festa di liberazione dallo Stato Pontificio.
L’origine della festa è nella rivolta popolare del 24 febbraio 1861 che decretò la liberazione di Poggio Mirteto dallo Stato Pontificio. Nel corso degli anni è cresciuta esponenzialmente e oggi migliaia di persone mascherate invadono il centro storico di Poggio Mirteto per approfittare dell’ottima eno-gastronomica locale e assistere agli innumerevoli spettacoli di arte di strada e musica dal vivo, fino al tradizionale falò del ‘pupazzo’ che in tarda serata decreta la fine dei festeggiamenti. Si avverte che la festa è caratterizzata da un forte connotato anticlericale.

Prete avvisato… meglio informato.


 … e alle 6 de matina tutti a Ostia a spizzare l’alba.